No hate. No violence
Races? Only one Human race
United We Stand, Divided We Fall

Radio Islam

Know Your enemy!
No time to waste. Act now!
Tomorrow it will be too late


English

Franç.

Deutsch

Arabic

Sven.

Español

Portug.

Italian

Russ.

Bulg.

Croat.

Czech

Dansk

Finn.

Magyar

Neder.

Norsk

Polski

Rom.

Serb.

Slov.

Indon.

Türk.

 Robert Faurisson’s Historic Testimony
"HOLOCAUST": a gigantic political and financial swindle
GAZA:Those Jews will experience the fate of all invaders

Interview given by Professor Robert Faurisson to the Algerian
Arabic-language daily Echorouk, published January 12, 2009

 

TESTIMONIANZA STORICA DEL PROFESSOR FAURISSON

12 Gennaio 2009

Intervista concessa, in esclusiva, dal professor Robert Faurisson al grande quotidiano arabofono algerino Echorouk (Aurora). Versione italiana.

French      German       Português       English

« L’Olocausto » è una menzogna storica. Proprio all’apogeo del massacro sionista di cui è vittima il popolo palestinese a Gaza, il professor Robert Faurisson riafferma che nel corso della seconda guerra mondiale non c’è mai stato un genocidio degli ebrei e che i nazisti, all’epoca di Hitler, non hanno mai perpetrato ciò che oggi viene chiamato « l’Olocausto ». Dopo che egli ha pubblicamente espresso queste convinzioni, la lobby ebraica non ha smesso di aggredirlo e di perseguitarlo per le sue ricerche storiche e per le sue opinioni. Io l’ho incontrato per la prima volta(http://www.echoroukonline.com/ara/interviews/10166.html) poco più di due anni fa, alla conferenza internazionale su « l’Olocausto » che si teneva allora a Teheran. Da allora ho avuto con lui parecchi incontri [i] e scambi di corrispondenza. Con la guerra d’Israele contro Gaza, il professor Robert Faurisson si è nuovamente opposto, mettendosi di fronte agli ebrei, divulgandone ed esponendone le ambizioni e la viltà. Io gli ho chiesto di accordare un’intervista ad Echorouk, cosa che lui ha accettato volentieri. Nella sua lettura della situazione, il professor Faurisson prevede, a lungo termine, la sconfitta degli ebrei nella loro occupazione della Palestina; questi ebrei conosceranno la sorte comune a tutti gli invasori.

Intervista realizzata da Mourad Ouabass






Robert
Faurisson, chi è Lei?

Sto per avere 80 anni. Sono nato vicino a Londra, nel 1929, da padre francese e madre scozzese. Sono sia suddito britannico che cittadino francese. Sono stato professore d’università. Ho insegnato alla Sorbona e in una università di Lione. Possiedo l’agrégation di lettere (francese, latino, greco) e il dottorato in lettere e scienze umanistiche (il che comprende la storia). Le mie due specializzazioni sono state, da un lato, la « letteratura francese moderna e contemporanea » e, dall’altro, la « critica dei testi e documenti (letteratura, storia, media) ». Mi sono interessato specialmente alla propaganda di guerra durante la Seconda guerra mondiale.

 

Può mettere il lettore algerino al corrente delle vostre ricerche, le quali hanno lo scopo di rivedere la storia di ciò che al giorno d’oggi viene chiamato « l’Olocausto » degli ebrei?

Al processo di Norimberga (1945-1946), il tribunale dei vincitori ha segnatamente accusato la Germania vinta 1) d’aver ordinato e pianificato lo sterminio fisico degli ebrei d’Europa; 2) d’avere a questo scopo, messo a punto ed utilizzato delle armi di distruzione di massa chiamate, in particolare, « camere a gas »; 3) d’avere, essenzialmente con queste armi, ma anche con altri mezzi, provocato la morte di sei milioni di ebrei.



Come ha riesaminato queste accuse?

In appoggio a questa triplice accusa, ripresa per più di sessant’anni dall’insieme dei grandi mezzi di comunicazione di massa occidentali, nessuno ha potuto produrre alcuna prova che resista alla verifica. Sono quindi giunto alla seguente conclusione: Le pretese camere a gas hitleriane e il preteso genocidio degli ebrei formano una sola e medesima menzogna storica, che ha permesso una gigantesca truffa politico-finanziaria i cui principali beneficiari sono lo Stato d’Israele e il sionismo internazionale e le cui principali vittime sono il popolo tedesco, ma non i suoi dirigenti, e l’intero popolo palestinese.
 

 
Quali sono stati, sulla Sua vita personale, gli effetti di queste conclusioni delle Sue ricerche storiche, che offendono la credenza pubblica in ciò che si chiama « l’Olocausto »?

La mia vita è diventata un inferno dal giorno in cui, nel luglio 1974, sono stato segnalato dal giornale israeliano Yedioth Aharonoth. Dal 1974 ad oggi, ho subito dieci aggressioni fisiche, ho avuto innumerevoli processi e condanne ed ho finito per venire privato del diritto di insegnare all’università. In Francia, per far tacere i « revisionisti » che noi siamo, la lobby ebraica ha ottenuto il voto di una legge speciale, la legge Fabius-Gayssot del 13 luglio 1990, ricalcata su un a legge israeliana del luglio 1986. Laurent Fabius è un deputato socialista, ricchissimo ed ebreo, mentre Jean-Claude Gayssot è un deputato comunista. La legge Fabius-Gayssot prevede fino ad un anno di prigione, 45 000 € d’ammenda e ancora altre punizioni per coloro che « contestano » il preteso « Olocausto ». In quasi tutto il mondo occidentale, con o senza legge speciale, il revisionismo viene severamente sanzionato. Un certo numero dei miei colleghi o amici revisionisti sono stati o sono attualmente in prigione, per lunghi anni, specialmente in Germania e in Austria, paesi con i quali nessun [vero] trattato di pace è stato ancora firmato dal 1945 e i cui governi restano sottomessi alla volontà dei vincitori della Seconda guerra mondiale.
 


« L’Olocausto » è diventato un tabù mondiale?

Nel mondo occidentale, si ha il diritto di contestare tutte le religioni salvo la religione de «l’Olocausto ». Ci si può burlare di Dio, di Gesù, di Maometto ma non di quello che Simon Wiesenthal, Elie Wiesel e Simone Veil hanno raccontato sul preteso genocidio o le pretese camere a gas. Auschwitz è diventato un luogo sacro. Vi si organizzano dei pellegrinaggi. Vi si vedono delle pretese reliquie di pretesi gassati: delle scarpe, degli occhiali, dei capelli e dei bidoni dell’insetticida Zyklon B che viene presentato come il prodotto che è servito ad accoppare gli ebrei, mentre veniva adoperato per la disinfezione dei vestiti o dei locali nei campi falcidiati dalle epidemie di tifo petecchiale. Ci raccontano che i Tedeschi cercavano «la soluzione finale della questione ebraica » in Europa e che questa formula nascondeva, sembrerebbe, la loro volontà di sterminare gli ebrei. Questo è falso. Non bisogna barare. I Tedeschi cercavano in realtà « una soluzione finale TERRITORIALE della questione ebraica». Essi volevano espellere gli ebrei verso un territorio che fosse per loro appropriato. È esatto che prima della guerra, essi hanno per un certo tempo, pensato che questo territorio potesse situarsi in Palestina ma, molto velocemente, hanno considerato che questa soluzione sarebbe stata impossibile, e che bisognava scartarla per riguardo verso « il nobile e valoroso popolo arabo » (sic ! io garantisco l’autenticità di queste parole).
 


Cos’è accaduto, alla fine dei conti?

Desiderosi, durante la guerra, di neutralizzare gli ebrei, i Tedeschi ne hanno messo un certo numero nei campi di concentramento o di lavoro in attesa che il conflitto finisse. Essi hanno rimandato al dopo-guerra la soluzione definitiva. Durante la guerra e fino agli ultimi mesi della stessa, hanno detto agli Alleati: « Voi ammirate gli ebrei? Prendeteli. Noi siamo pronti ad inviarvi quanti ebrei europei vorrete ma ad una espressa condizione: ed è che questi ebrei resteranno in Gran Bretagna fino alla fine del conflitto; essi non devono con nessun pretesto andare in Palestina; il popolo palestinese ha già talmente sofferto a causa degli ebrei che sarebbe una ‘indecenza’ (sic) accrescerne il martirio.»
 


Ecco che mi spingo a chiederLe la Sua opinione sul massacro che ha luogo attualmente a Gaza.

Oggi più che mai, il popolo palestinese subisce un calvario. L’esercito israeliano, dopo avere inflitto a questo popolo l’operazione « Uva dell’ira », poi l’operazione « Baluardo a Jenin», seguita dall’operazione « Arcobaleno » e dall’operazione « Giorno di penitenza », infligge loro attualmente l’operazione « Piombo fuso ». Invano! Invano perché, a mio avviso, lo Stato d’Israele non vivrà nemmeno il tempo che è durato il Regno Franco di Gerusalemme, vale a dire 89 anni. La maggior parte degli ebrei lascerà queste terre con lo stesso panico con cui i coloni francesi hanno lasciato Algeri nel 1962 o con cui l’Esercito americano ha abbandonato Saigon nel 1975. La Palestina ridiventerà un paese libero, in cui musulmani, cristiani, ebrei ed altri potranno coabitare. Almeno questo è il voto che io formulo, io che, dopo 34 anni, vengo trattato in Francia come una sorta di Palestinese. Io l’ho detto l’11 e il 12 dicembre 2006, al momento della conferenza su « l’Olocausto » organizzata a Teheran sotto l’egida del presidente Ahmadinejad: noi abbiamo tutti i mezzi per dare aiuto alla liberazione della Palestina. Questo mezzo consiste nel far conoscere al mondo intero le conclusioni della ricerca revisionista. Bisogna togliere ogni credito a questo preteso « Olocausto » diventato l’arma numero uno del sionismo e dello Stato d’Israele; questa menzogna è la spada e lo scudo di questo Stato. Sarebbe assurdo cercare di difendersi contro l’armamento militare degli Israeliani risparmiando l’arma numero uno della loro propaganda nel mondo intero.


Ho recentemente appreso che un altro processo La minaccia prossimamente perché Lei persiste a contestare – il che è in Francia proibito per legge – la realtà de « l’Olocausto » degli ebrei. Quando cesseranno i Suoi problemi con i tribunali, dato che sta per raggiungere l’età di 80 anni?

Vi annuncio che al mio prossimo processo, di cui non conosco ancora la data, dichiarerò questo ai miei tre giudici della XVIIa camera del tribunale correzionale di Parigi (2 e 4, Boulevard du Palais, 75001 Parigi): « Chiunque si autorizza ad affermare che le pretese camere a gas naziste ed il preteso genocidio degli ebrei siano state una realtà storica si trova, che lo voglia o meno, a dare il proprio avallo ed una spaventosa menzogna che è diventata l’arma numero uno della propaganda di guerra dello Stato d’Israele, uno stato colonialista, razzista ed imperialista. Chi ha la disinvoltura di garantire il mito de l’Olocausto si osservi le mani! Le sue mani sono rosse del sangue dei bambini palestinesi! »





[i] La prima intervista con il professor Faurisson è stata pubblica su Echorouk il 27 dicembre 2006 e si trova su Internet all'indirizzo http://www.echoroukonline.com/ara/interviews/10166.html.



Prof. Robert Faurisson interviewed by Iran Television, 11-12-2006
French    
German     Swedish    Italiano    Spanish    English

Above is a photo of  Free Speech Champion
 Robert Faurisson who refuses  to remain
silent despite years of  persecution, including

physical assaults by Jewish terrorists.


 


From 2008

A Call to Support Holocaust Revisionist Scholar, Dr. Robert Faurisson

Please show your support for Robert Faurisson
by posting this or passing it along. Thanks!

Above is a photo of Free Speech Champion Robert Faurisson who refuses to remain silent despite years of persecution, including physical assaults by Jewish terrorists.

 
 
January 21, 2008

A Call to Support Holocaust Revisionist Scholar, Dr. Robert Faurisson

Dear Friends,

Holocaust revisionist historian Robert Faurisson will apparently stand trial in his native France for statements that he made at the Iran Holocaust conference of December 2006, which cast doubt on the so-called Jewish Holocaust. As you may know, the Gayssot Act of 1990 prohibits and punishes any public doubt about the Holocaust.

The former Prime Minister of France, Dominique de Villepin, was quoted as saying that "We [the French people] are in a democracy. Everyone has the right to express his views freely, while respecting others, of course." This government prosecution of Dr. Faurisson is clearly a violation of his inalienable right to freedom of speech.

Dr. Faurisson is an outstanding and brave scholar that deserves your support. We ask that all American citizens call and write the French embassy in Washington, D.C., protesting this overt violation of Dr. Faurisson's human rights. The address is: Embassy of France in the United States

4101 Reservoir Road, NW
Washington, D. C. 20007


The phone number is: (202) 944-6000


If you are not an American citizen, we ask that you lodge a protest with the French consulate in your own country on behalf of Dr. Faurisson.

If enough people protest, this very well may have a positive effect.


Best Wishes,

Paul Grubach






  • Elie Wiesel - A Prominent False Witness

  • The U.S. Holocaust Memorial Museum - A Challenge

  • How the British Obtained the Confessions of Rudolf Hoess

  • Paying Tribute to Jewish Power - "Ah, How Sweet It Is To Be Jewish ..." 

  • Faurisson about Rami in jail

  • Ahmed Rami's interview with Robert Faurisson 1.

  • Ahmed Rami's interview with Robert Faurisson 2.

  • From a video with Faurisson Recording in Stockholm, May 22, 1993 

  • Lecture about a book written by Peter Englund 1993

  • "Genocide By Telepathy", Hilberg Explains

  • How Many Deaths at Auschwitz?

  • Beirut Conference Presentation

  • No Evidence for Gas Chamber


    •  



    "Israele come stato ebraico costituisce un pericolo non solo per se stesso e per i suoi abitanti, ma per tutti gli ebrei e per tutti gli altri popoli e stati del Medio Oriente e anche altrove."

    - Prof. Israel Shahak, ebreo israeliano e direttore della lega israeliana per i diritti umani e civili


    Palestine banner
    Viva Palestina!

    Latest Additions - in Italiano

    Intervista a Ahmed Rami
    Giornale algerino "Le Jeune Indépendant" 

    Introduzione a "Écrits révisionnistes"
    Di Robert Faurisson

    Milizie Ebraiche: Quindici anni (e piu') di Terrorismo in Francia
    Di Robert Faurisson

    Foto   

    Pasque di sangue - Ebrei d'Europa e omicidi rituali    
    Di Ariel Toaff


    Iraq under Jewish occupation
    Iraq - guerra e occupazione


    Due pesi due misure: riconoscere il terrorismo dello Stato d'Israele

    A Herzliya, Israele svela la sua strategia contro l'Iran
    Di Thierry Meyssan

    L'Olocausto allo scanner
    Di Jürgen Graf

    Mein Kampf - La mia battaglia
    Di Adolf Hitler

    "Perché gli arabi dovrebbero fare la pace? Se fossi un dirigente arabo non la firmerei con Israele. È normale: abbiamo preso il loro paese."

    - David Ben-Gurion, Primo Ministro di Israele


    Citazioni - sionismo

    Storico israeliano afferma: Il popolo Ebraico e' un'invenzione

    Memri selettivo
    Di Brian Whitaker

    Down with Zio-Apartheid
    StopJewish Apartheid!

    Lista degli ebrei influenti italiani
    Il giudaismo in Italia 

    Le vittorie del revisionismo
    Di Professore Robert Faurisson

    The Jewish hand behind Internet The Jews behind Google, Facebook, Wikipedia, Yahoo!, MySpace, eBay...

    Le caricature di Maometto - Un altro stratagemma sionista inteso a generare odio contro i mussulmani

    Uno sguardo sulla potente Lobby Ebraica - Di Mark Weber

    The Founding Myths of Modern Israel
    Garaudy: "I miti fondatori"


    I miti fondatori della politica israeliana
    Di Roger Garaudy

    Misteri e Segreti del B'naï B'rïth

    Citazioni dal Talmud ebraico

    Reel Bad Arabs - Revealing the racist Jewish Hollywood propaganda

    Rapporto Leuchter

    The Founding Myths of Modern Israel
    Shahak: "Storia ebraica"

    Definiamo lo Stato d'Israele 
    Di Israel Shahak

    Protocolli di Sion

    Videos - Importante collezione
     

    Talmud unmasked
    Citazioni dal Talmud ebraico

    Il Talmud smascherato

    Dopo Soros: “Lobby Ebraica”, un tabù infranto?
    Di Manno Mauro

    Caricature

    Attivismo! - Partecipa alla lotta!